Your Cart

0

Interview with Matteo de Zaiacomo (aka Giga)

Posted by Luca Fontana on


Our climbing specialist Fabio Palma interviews Matteo de Zaiacomo (aka Giga), brand ambassador for Terra Cielo Mare since 2017, public speaker for Ragni di Lecco and great alpinist by fair means (Italian below)

Fabio: Discovered by me as a hazardous TV announcer, that he defined it by saying ’it’s like throwing a bomb on the stage, do you realize it?’, the words that definitely convinced me to hand him the microphone. Matteo De Zaiacomo, known as Giga, is an excellent climber (indeed of 8c), an alpinist who by fair means has already been formed in a 60-day expedition in Baffin, and a formidable teller of his experiences.

It seems that at school in topics was oppressed by professors, but he turned out to be one of the best Italian climbing bloggers, very deep, romantic but never rhetorical. In short, an excellent symbiosis between modern and classic.

His smile is an Italian answer to Favresse's, like the cover of an adventurous journey. His body type would never make you guess that he is a powerful climber even on fingers.

For some years now he is with Ragni di Lecco and among the most followed by the group. Giga is a perfect Testimonial of Terra Cielo Mare for his simplicity and honesty in behavior.

Shortly, in public Giga is not as different as in his private life. Too far from any kind of envy, a stab in the back, a subterfuge, a rant, a selfish act. After and together with Luca Schiera, I could only present Giga as the best young climber I've ever met in recent years. And together with "Berna" (Matteo Bernasconi), he also could represent an inimitable cup cabaret.

So, Giga, an alpinist from the past you wish to be connected with? 5 seconds to answer.
Giga: [3 seconds] Tommy Caldwell.

F: Caldwell ?? But, is he from the past for you?!?
G: [smiles] Eh, compared to those of today, now I myself could be considered from the past too..

F: So let's put it in this way: from the remote past.
G: 
Carlo Mauri, he answers. Because, a trip with him surely would teach you all full of fantastic and imaginative, and of authentic.

F: You might know, that he had somewhat a ... particular character, and that his family almost never saw him?
G: 
Eh, come on! It's normal. If you have the Passion, you must believe in it completely. If not, it becomes the soft choice than. I also made significant decisions at work, otherwise you do not develop such a thing. I had my difficulties, even those like expenses for the rent. He would have had his own, and he would not have been loved by those who wanted him at home. Surely, you have to be a bit selfish if you do that kind of alpinism, otherwise you just can't do it. It would be the same for every kind of Passion. I'm happy with my choice and with what I've had so far.
Afterwards, I’d rather say that I wish to live or share some historical routes. Say, the birth of climbing sport in Italy and in Europe as well. You want to revive the years and the first travels of Jerry Moffat...

F: The turning point?
G: 
Ah, Kyrgyzstan. I’ve learned so many things during that trip. It opened my eyes. Of course, the most beautiful is Baffin, but the first one surely changes you.

F: And what is you wished, but you couldn’t make it?
G: I would have loved Uli Biaho. With Teo and Luchino. I really liked the movie, the adventure they had, and all that happened around that route. I remember the scene in the movie where Teo was shaving and I told myself, this is how one lives on an expedition. I went back home with the idea to go on an expedition.

F: Tell me a little about free climbing in El Capitan, about Lurkin Fear.
G: Eh, I was so close to it, say another three more steps ... come on! Anyway, I'm happy. For single movement there is a broken grip, besides it took two weeks to Caldwell... we did the best. You know, Tommy was happy. We saw him go bouldering and we greeted him a little like not to disturb much. After a few minutes we were all there for an autograph, one with a guide, one with a hat ... the living legend. And he told us that we were very good, what else do one needs? He was just happy, it is not the route that many climbers try, on the contrary.

F: And there was your dad too.
G: Ah, my dad is a real Pharaoh. 60 years, who's like him? And he doesn't want to quit.

F: Six more than me.
G: Are you 54??

F: Better another question. Your ideal partner in Ragni di Lecco
G: 
Well, Luchino [Luca Schiera]. Ethics without compromises, everybody sees him always calm, though he gets angry too, but he is the one all about Doing or not Doing things, there is no middle way. There aren’t things done for social media, news that has anything behind them. He only wants to do something every day, and be sure that he is a genuine and pure personality. Forever. Never sold himself and will never do.

F: Can we talk about those who sell themselves, and do they sell illusion?
G: 
But no ... you already know, enough to have a look at their resumes, if one speaks much and has nothing to show, one understands immediately. Then people do not have time and don’t waste it in analyzing it ... I occasionally get annoyed; after seeing certain interviews I question myself, but what have you done in these years? Extra-European what did you climb? And in the Alps? But you leave it afterwards. To tell the truth, it even annoys me when I read nice things on social media because it’s not me doing them. A problem with social media is that you scroll quickly and do not understand what is authentic and of value in climbing.

F: So, what about sensibility? To the rock and to people?
G: Uh, what a difficult question ...
Towards the rock it is about to respect the rules it has. To people to show respect and gratitude. Sometimes there are some who are insensitive to the rock and sensitive to people, and vice versa. They are not two sensibilities that go necessarily hand in hand.

F: And this expanding female world?
G: 
Eh, yes, it grows and with beautiful characters. Of course, sometimes there are some unreal. Unfortunately, you have to mistrust the faces of fashion bloggers, but look at Barbara Zangerl, the work she does. She is at the absolute highest level, the news is clear about it.Even Caterina Bassi, who works hard and has a very high level; Federica Mingolla. She is really smart. And Avoscan. They are women of substance. I don't know the world of competition, but only through you, and sure we'll see some good ones. I think, that even one like Tentori, who I already saw with terror, is amazed by what your group and those of their age do. You know how I feel, even in climbing ... if your arm closes, you do things. And the arm closes more and more. One like Simone Tentori if you give him some Friends what is to expect, but to make us do things that we can't even try.

F: Look, the last usual question. A dream place you would like to climb. Your big dream.
Ah well, it’s easy, Antarctica. I am the one for rock climbing, the ice does not attract me and gives me little, perhaps the reason for those crazy walls with lots of ice around ...

We recommend reading the story of the great route in Madagascar opened by Giga together with Dimitri Anghileri and Marco Maggioni:
http://ragnilecco.com/madagascar-ragni-route-tsaranoro-wall/


ITALIANO

Fabio: 

Scoperto dal sottoscritto come Presentatore con un azzardo che lui definì “stai buttando una bomba sul palco, te ne stai accorgendo?”, frase che mi convinse definitivamente a dargli il microfono in mano, Matteo De Zaiacomo detto Giga è un ottimo scalatore (da 8c insomma), un alpinista che si è già formato in una spedizione da 60gg di vero By fair means a Baffin, e un formidabile speaker di esperienze.

Pare che a scuola nei temi fosse vessato dai professori, invece si è rivelato uno dei migliori Blogger di scalata italiani, molto profondo, romantico ma mai retorico. Insomma, un'ottima simbiosi fra moderno e classico.

Il suo sorriso è la risposta italiana a quello di Favresse, come copertina di un viaggio avventuroso, la sua mole non farebbe mai dire che trattasi di uno scalatore potentissimo anche sulle dita.

Ormai da qualche anno nei Ragni di Lecco e fra i più seguiti dal gruppo, Giga è Testimonial perfetto di Terra Cielo Mare per la naturalità e l'onestà dei suoi comportamenti.

Il Giga pubblico, insomma, non è diverso da quello privato. Mai una invidia, una pugnalata alle spalle, un sotterfugio, una sbraitata, un atto egoistico. Dopo e insieme a Luca Schiera, non potevo che presentare Giga, come miglior giovane scalatore che io abbia mai frequentato in questi anni. E insieme al “berna” (Matteo Bernasconi), rappresenterebbe anche una coppa di cabaret inimitabile.

Dunque, Giga, un alpinista del passato con cui avresti voluto legarti. 5 secondi per rispondere.

Giga: [3 secondi] Tommy Caldwell

F: Caldwell?? Ma per te è del passato?!?
G: [r
ide] Eh, sono anch'io ormai del passato rispetto a quelli di oggi...

F: Allora mettiamola così: del trapassato.
G: 
Carlo Mauri, risponde. Perchè sicuramente un viaggio insieme sarebbe stato all'insegna del fantastico e dell'immaginazione, e dell'autentico.

F: Sai, vero, che aveva un carattere un po'...particolare, e che la famiglia non lo vedeva mai?
G: Eh, ma è normale, dai. Se hai la Passione, devi crederci fino in fondo. Altrimenti è una scelta soft. Anch'io sul lavoro ho preso delle decisioni importanti, se no non coltivi fino in fondo una cosa del genere. Io ho avuto le mie difficoltà, anche semplicemente l'affitto da pagare, lui avrà avuto le sue e non si sarà fatto voler bene da chi lo voleva a casa. Sicuramente devi essere un po' egoista se fai quel tipo di alpinismo, altrimenti non puoi proprio farlo. Sarà così in ogni Passione. Io sono contento della mia scelta, di quello che avuto finora.
Poi direi che avrei voluto vivere o condividere alcuni percorsi storici. Per dire, la nascita dell'arrampicata sportiva in Italia ma anche in Europa. Vuoi mettere vivere gli anni e i primi viaggi di Jerry Moffat...

F: La svolta?
G: Ah, il Kirghizistan . Ho capito tante cose, con quel viaggio. Mi ha aperto gli occhi. Il più bello Baffin, certo, ma il primo ti cambia.

F: E quello che avresti voluto fare e non hai potuto?
G: Mi sarebbe tanto piaciuto Uli Biaho. Con Teo e Luchino. Mi piacque tantissimo il film, l'avventura che ebbero, tutto quello che ruotò intorno a quella via. Ricordo la scena del film in cu Teo si faceva la barba e mi dissi, ecco come si vive in spedizione. Tornai a casa che volevo andare in Spedizione.

F: Parlami della Libera del Capitan, su Lurkin Fear.
G: Eh, ci sono andato vicino, tre passi ancora...ma sono contento, dai. Per un singolo c'è una presa rotta, per l'altro Caldwell ci mise due settimane...abbiamo fatto il massimo Tommy era contento, sai? Lo vedemmo andare a fare Boulder e lo salutammo un po' così, per non disturbarlo. Dopo qualche minuto eravamo tutti lì per un autografo, uno con una guida, uno con un cappellino...una leggenda vivente. E ci ha detto bravi, che vuoi di più? Era proprio contento, non è una via che vanno a provare in molti, anzi.

F: E c'era tuo papà.
G: Ah, mio papà è un Faraone vero. 60 anni, chi va così? E non si vuole fermare

F: Sei più di me
G: Tu ne hai 54??

F: Meglio un'altra domanda. Il tuo socio ideale nei ragni
G: Ah beh, Luchino. L'etica senza sconti, Tutti lo vedono sempre tranquillo e invece si incazza anche lui, ma lui è Fare o Non fare, non ci sono vie di mezzo. Non ci sono cose fatte per i social, notizie che dietro non hanno nulla. Lui ogni giorno vuole fare qualcosa, e stai tranquillo che è una cosa vera e pura. Sempre. Non si è mai venduto e mai si venderà.

F: Vogliamo parlare di quelli che si vendono, e vendono fumo?
G: Ma no dai...poi lo si sa, basta vedere i curriculum, se uno parla e basta e non ha da che far vedere, lo si capisce. Poi la gente non ha tempo e non analizza...io ogni tanto rosico, vedi certe interviste e mi dico, ma cosa hai fatto in questi anni? Extraeuropeo cosa hai salito? E sulle Alpi? Ma lasci stare, naturalmente. A dir la verità rosico anche quando leggo sui social belle cose perché non sono io a farle, eh. Un problema con i social è che scorri in fretta e non capisci veramente cosa sia autentico e cosa di valore alpinistico.

F: Così la sensibilità? Verso la roccia e verso le persone?G: Orca...che domanda difficile...verso la roccia è rispettare le sue regole, la roccia le ha. Verso le persone avere rispetto e riconoscenza. A volte ci sono persone insensibili verso la roccia e sensibili verso le persone, e viceversa. Non sono due sensibilità che vanno a braccetto per forza.

F: E questo mondo femminile, in espansione?
G: Eh, sì, cresce e con bei personaggi. Certo a volte è tutto fumo anche lì, bisogna purtroppo diffidare dei visi da fashion blogger, ma guarda Barbara Zangerl, con anche il lavoro che fa. E' al massimo livello assoluto, le notizie parlano chiaro se ci ragioni su.
Anche Caterina Bassi, che lavora e ha un livello molto alto,  Federica Mingolla. E' proprio in gamba. E la Avoscan. Sono donne di sostanza. Non conosco il mondo delle gare se non attraverso te, ma ne vedremo delle belle. Io penso che perfino uno come Tentori, che già io vedevo con terrore, rimane stupito di fronte a quello che fanno i tuoi e quelli della loro età. Sai come la penso, anche in alpinismo...se il braccio chiude fai le cose. E il braccio chiude sempre più. Uno come Simone Tentori se gli dai dei Friends cosa vuoi che ci voglia per fare delle cose che noi non possiamo neppure tentare.

F: Senti, domanda ultima di rito. Un posto da sogno che vorresti scalare, per forza. Il tuo grande sogno.
G: Ah beh, l'Antartide, facile. Io sono uno per l'alpinismo su roccia, il ghiaccio non mi attira e mi dice poco, forse per questo quelle pareti pazzesche con tanto ghiaccio intorno...

Consigliamo di leggere il racconto della grandiosa via in Madagascar aperta da Giga con Dimitri Anghileri e Marco Maggioni:
http://ragnilecco.com/madagascar-ragni-route-tsaranoro-wall/