Your Cart

0

An interview with Marcello Bombardi and Laura Rogora

Posted by Luca Fontana on


Our climbing specialist Fabio Palma had a long talk with climbers Marcello Bombardi and Laura Rogora, both ambassadors of Terra Cielo Mare from 2018. (Italian below)

Interview with Marcello Bombardi

Spanish social networks also spoke about it because the Veni Vidi Vici by Marcelo Bombardi in Siurana could not go unnoticed. As even Marcello is a new name in Spain among the specialists and "collectors" of hard pitches; and for those who saw him during competitions or by chance observed him training, his level is absolutely monstrous. Marcello is one of the fewest in the world able to reach a final of CdM or World Championship both in Lead and Boulder ... in short, here we are well beyond excellence. In Italy Marcello is a Champion in charge of Boulder, having already been an Italian Lead Champion. Terra Cielo Mare is enthusiastic to support him not only because of being a world-class athlete, but because of Marcello’s exquisite personality; he has also proved to be an excellent teacher during our workshop, as you can see it in this video.

Our climbing specialist Fabio Palma interviewed him and some of his answers reveal how many methods and dedication there are in Marcello's training sessions.

Fabio: So Marcello, you like rock as well? Or is it just for training?

Marcello: Yes, sure. The competitions do not leave me a lot of time to touch it, but in November after the CdM in China, I immediately started with the Boulder and the rock routes, I really like it. I come from Modena and thus I was born with plastic, as the closest crag is Bismantova ... I like climbing even on easy routes.

Fabio: And you chose Siurana for the Christmas holidays.

Marcello: Yes, Margalef did not attract me much, I'm not a climber who appreciates the holes. I like Siurana as a style and also for its climate and place. I arrived there on the 28th and I immediately tried the Odi social (8c +), but I couldn’t send it in a single day. After the 1st and 2nd tries I climbed the critical Estado (9a) and the Odi social respectively in seven and five overall attempts. I rested on 3rd and then I climbed Renegoid again (8b +) on the 4th, and Jungle Speed (8c +) on 5th, a short pitch that came in two hours.

Fabio: For someone who mainly climbs plastic, not bad ... it confirms also that by now you competitors have an absurdly high level.

Marcello: We definitely need a phase of adaptation but if you like rock then you feel comfortable. Of course, you must like it but if you like climbing, after a bit of confusion, you appreciate those lines and places.

Fabio: Don’t you find it strange that today, with your training that have much less "notches" than in the past because of the new traces, on rock you will find yourself better than the competitors did even a few years ago?

Marcello: I do not know, maybe the average level has risen and perhaps with the new holds and volumes, however, we have more varieties available and adapting to them became easier.

Fabio: How many holds a week in your training?

Marcello: Oh God ... I do not know ... I should think about it! I often do two workouts a day, with the warming up of about 3 hours. Now that you make me think about it, I believe around 600 movements in 3 hours. Outside competitions, besides warming up, I climb 7/8 hard routes, and average 4 hard during competition. That’s all for the holds, then there are the dry and coordination parts.

Fabio: And Boulder?

Marcello: 1h30'of blocks, with short intervals ... thinking about it, I would say about 200 movements. Often preceded by pan gullich or training of pure strength.

Fabio: But now you also have the Speed for the Olympics ambition...

Marcello: (Laughs) yes, I have to do it and I like it too, I get angry only when I make mistakes but I start to understand them! A couple of sessions of Speed I have to insert during a week because in the Olympics for the qualifying competition in December you can only enter if you are among the top 20 players, and the best two results of each discipline are taken, thus from Lead, Boulder and Speed. Now I start to feel better even in Speed and I feel it less an obligation, certainly for the Power it is also very useful.

Fabio: And I imagine that now, the rock is not your priority.

Marcello: Something I will do it anyway, I have a project near home and I think I will have time to try it. With the competitions and the workouts, I can’t do great trips, but sometimes, just for relax I will touch the rock, and I think it is also very useful for technique.


Interview with Laura Rogora.

Every now and then the adjective exceptional might be overused, but in this case it is all in there. Let's recap: In two weeks in Perles, Spain:

Esclatamasters 9a

Lardaxkaria "8a + on sight

"ara es l Hora" 8b Flash

Numbers that would be remarkable even for a strong male climber and huge for a woman climber, even more sensational for a minor, who is moreover a World Youth Champion in Boulder and dominant figure of the Europe Youth Lead Cup. Laura Rogora is the greatest female climbing talent that Italy has ever had; and internationally, she beats Japanese, Slovenian and French competitors, those who are followed by sponsors, wealthy federations, governments (indeed!), institutions and a team of professionals.

For Terra Cielo Mare, Laura is a perfect testimonial! Curious, motivated, eager to explore her limits, constantly looking for improvement and confrontation. For young generation she is a real Star, and while being a guest of " alle Falde del Kilimangiaro ", she was also noticed by great Mass Media.

And how she trains! if one translates this interview in Japanese, I would probably be accused of forgery to the fact that Laura trains in an "old style" gym, that is far-off from the great Japanese structures built on purpose for the upcoming Olympics.

Laura: Actually, I went to Oliana to try Papichulo.

Fabio: This is the way she starts the conversation over the phone. Incredible! Papichulo is already a historic route, one of the first 9a + in the world. An Italian girl goes to Spain to try a 9a + is something beyond admiration. Even without controlling at once, I'm pretty sure that there are fewer than five women in the world capable of trying a 9a +.

Laura: But there was fog and that’s why two days later I went to Coll de Nargo and Perles.

Fabio: Let's start from 2018. Boulder youth world champion, did you expect it?

Laura: (laughs) absolutely no. I train on blocks twice a week, but they are old School blocks, even ten movements and on notches. We do not have any volumes. And I do not often climb modern boulders, I have to adapt.

Fabio: But it was not a case, and the Japanese girls were even disappointed.

Laura: Yes, yes.

Fabio: Looking at the final, last boulder, I said to myself, here Lauretta walks to the end and the Japanese do not have an idea at all; because it seemed a dihedral of a rock route.

Laura: (She laughs again) Yes, yes, it's true. I immediately found the hold for knee and it was a natural Dulfer. Not so difficult. They tried strange methods, and they did not really go well.

Fabio: So, you feel stronger on rock, do you confirm that? But do you train on plastic in Lead?

Laura: No, where I train I do not have the rope. I do two workouts on blocks and one dry during the week, but on Saturdays and Sundays crag. I think more for the technique rather than plastic that instead is important for the rhythm, because you do not have time to rest in the competitions, and then trying hard routes also gives me intensity and strength. For the feet there is no comparison, on the rock you must find them; the rock is much more instructive than plastic. Now I'm climbing to Ferentillo, then I have another project in Collepardo .... Sperlonga I did everything except the 9a of Ondra! Now I have to train in Speed for the Olympics, so I will go to the crag on Sunday and Speed on Saturday.

Fabio: Do you like the Speed?

Laura: Yes, I also like as training.

Fabio: Possibility for the Olympics?

Laura: Eh, I do not think more than 3%, there are a lot women good both in Lead and Boulder and the places will be 20. But I'll do my best.

Fabio: This year you have the secondary school exams. Can you train without problems?

Laura: Yes, even to climb during the weekend

Fabio: And afterwards? Do you want to become a professional climber?

Laura: Yes, the intention is that, both for the competitions and for the rock. I would like to continue as the way it is, with both.

 

ITALIAN VERSION

Il nostro climbing specialist Fabio Palma (Ragni di Lecco) incontra i fortissimi climbers Marcello Bombardi e Laura Rogora, entrambi ambassador di Terra Cielo Mare dal 2018. 

Intervista a Marcello Bombardi

Ne hanno subito parlato anche i social spagnoli perchè il Veni Vidi Vici di Marcelo Bombardi, a Siurana, non poteva passare inosservato. Anche perchè, fra i “collezionisti” di tiri duri e specialisti in terra spagnola, Marcello è un nome nuovo, Anche se il suo livello, per chi lo ha visto nella gare o per caso osservato allenarsi, è assolutamente mostruoso. Marcello è uno dei pochisismi al mondo capace di raggiungere una finale di CdM o Campionato del Mondo sia in Lead che Boulder...simao ben oltre l'eccellenza, insomma. In Italia Marcello è Campione Italiano in carica di Boulder ed è già stato Campione Italiano Lead. Insomma, è una delle punte di diamnate della Nazionale Italiana che sogna le Olimpiadi di Tokyo pur con problemi di Federazione di un certo peso.

Fabio: Allora Marcello, ti piace anche la roccia, quindi? O è solo allenamento?

Marcello: Sì, certo. Le gare non mi lasciano molto tempo per toccarla, ma finite le gare di CdM in Cina a Novembre ho iniziato subito col Boulder e le vie su roccia, mi piace molto. Io vengo da Modena e quindi sono nato con la plastica, la più vicina falesia è Bismantova... Mi piace scalare anche su vie facili.

Fabio: E hai scelto Siurana per le vacanze di Natale

Marcello: Sì, Margalef non mi attirava molto, non sono uno scalatore che apprezza i buchi. Siurana mi piace come stile e anche come clima e luogo. Sono arrivato il 28 e ho provato subito l'Odi social (8c+) ma non mi è venuta in giornata. Dopo l'1 e il 2 ho salito Estado critico (9a) e l'Odi social, rispettivamente in sette e cinque tentativi complessivi. Ho riposato il 3 e poi ho salito ancora Renegoid (8b+) il 4, e Jungle Speed (8c+) il 5. un tiro boulderoso corto che mi è venuto in due ore. 

Fabio: Per uno che scala prevalentemente su plastica non male...conferma che voi garisti ormai avete un livello assurdo

Marcello: Abbiamo sicuramente bisogno di una fase di adattamente ma se ti piace la roccia poi ti trovi bene. Certo ti deve piacere ma se ti piace scalare dopo qualche attimo di smarrimento non puoi che apprezzare certe linee e certi posti

Fabio: Non trovi strano che oggi, con i vostri allenamenti che hanno molte meno “tacche” che in passato per via delle neuove tracciature, su roccia vi troviate ancora meglio che non i garisti anche di pochi anni fa?

Marcello: Non so, forse il livello medio si è alzato e forse con le nuove prese e volumi comunque abbiamo a disposizione più varietà e adattarci ci è più facile.

Fabio: Quante prese tocchi alla settimana nei tuoi allenamenti?

Marcello: Oddio...non lo so...dovrei pensarci! Faccio spesso due allenamenti al giorno, col riscaldamento di circa 3 ore. Credo intorno ai 600 movimenti in 3 ore, adesso che mi ci fai pensare. Salgo 7/8 voie difficili, oltre al riscaldamento, lontano dalle gare, e mediamente 4 dure in tempo di competizione. Questo sulle prese, poi ci sono le parti a secco e di coordinazione

Fabio: E Boulder?

Marcello: 1h30' di blocchi, con intervalli brevi...a pensarci, direi sui 200 movimenti. Spesso preceduti da pan gullich o lavori di forza pura

Fabio: Ma adesso hai anche la Speed, visto il sogno Olimpiade...

Marcello: (Ride), eh sì, devo farla e mi piace anche, mi arrabbio solo quando sbaglio ma fotunatamente inizio a capirci qualcosa! Un paio di sedute di Speed alla settimana devo inserirle perchè alla gara di qualifica Olimpica di Dicembre si accede soltanto se sei fra i primi 20 combinatisti, e vengono presi i migliori due risultati di ogni disciplina, quindi Lead, Boulder e Speed. Adesso un po' comincio a trovarmi bene anche in Speed e la sento meno un obbligo, sicuramente per la Potenza è anche molto allenante.

Fabio: E immagino che per la roccia sia chiusa una parentesi

Marcello: Qualcosa farò ancora, ho un progetto vicino a casa e penso di avere i tempo di provarlo. Con le gare e gli allenamenti gran viaggi non ne posso fare, ma ogni tanto anche per relax la toccherò, e credo sia anche molti utile tecnicamente.

 

Intervista a Laura Rogora

Ogni tanto l'aggettivo sensazionale bisogna scomodarlo (meno del solito, e raramente), e in questo caso ci sta tutto. Ricapitoliamo: In due settimane a Perles, Spagna:

Esclatamasters 9a

Lardaxkaria" 8a+ a vista

"ara es l Hora" 8b Flash

Numeri che sarebbero notevoli anche per un forte scalatore maschio, che sarebbero enormi per una scalatrice donna, e che sono appunto sensazionali per una minorenne che, per giunta, è Campionessa Mondiale giovanile in carica Boulder e dominatrice della coppa Europa giovanile Lead. Laura Rogora è il più grande talento femminile di arrampicata che l'Italia abbia mai avuto e internazionalmente, nelle gare, batte giapponesi, slovene e francesi che sono seguite da sponsor, federazioni ricche, governi (già), istituzioni cittadine, equipe di professionisti. E leggete qua come si allena...se traducessero questa intervista in giapponese, probabilmente sarei accusato di falso!

Laura: In realtà ero andata a Oliana, per provare Papichulo.

Fabio: Esordisce così, al telefono. Quasi mi cade il cellulare. Papichulo è una via già storica, uno dei primi 9a+ al mondo. Che una ragazzina italiana vada in Spagna per provare un 9a+ è qualcosa che va al di là dello stupore. Senza poter controllare al volo, sono abbastanza sicuro che di donne al mondo capaci di tentare un 9a+ ce ne siano meno di cinque.

Laura: Però c'era nebbia e allora dopo due giorni sono andata a Coll de Nargo e a Presles.

Fabio: Partiamo dal 2018. Campionessa del mondo giovanile Boulder, te lo aspettavi?

Laura: (ride) proprio per niente. Mi alleno sui blocchi due volte alla settimana ma sono blocchi Old Schollo, anche dieci movimenti e su tacche. Non abbiamo volumi. E non mi vengono spesso boulder moderni, devo trovare quelli adatti.

Fabio: Però non è stato un caso, e le giapponesi ci saranno pure rimaste male.

Laura: Eh sì parecchio.

Fabio: Guardando la finale, ultimo blocco, mi sono detto, qui la Lauretta cammina alla fine e le giapponesi non ci capiscono nulla. Perchè sembrava un'uscita diedro di una via di roccia.

Laura: (Ride ancora) Sì sì, è vero. Ho trovato subito l'incastro di ginocchio ed era una Dulfer, lineare. Non così difficile. Loro hanno provato metodi strani, non andavano proprio bene.

Fabio: E quindi ti senti più forte su roccia, lo confermi? Ma ti alleni su plastica in Lead?

Laura: No, dove mi alleno non ho la corda. Faccio due allenamenti su blocchi e uno a secco, nella settimana, ma Sabato e Domenica poi falesia. Penso che per la tecnica di tanto, di più riseptto alla plastica che invece è importante per il ritmo perchè non hai il tempo di riposare nelle gare, poi provando vie dure mi dà anche intensità e resistenza. Per i piedi non c'è paragone, sulla roccia te li devi trovare, è molto più istruttiva la roccia rispetto alla plastica. Adesso sto scalando a Ferentillo, poi ho un altro progetto a Collepardo....Sperlonga ho fatto tutto tranne il 9a di Ondra! Ora devo allenarmi in Speed per le Olimpiadi e allora andrò in falesia la domenica e il Sabato Speed.

Fabio: Ti piace la Speed?

Laura: Sì, mi piace anche come allenamento.

Fabio: Possibilità per le Olimpiadi?

Laura: Eh, non penso più del 3%, ci sono tante donne brave sia in Lead che Boulder e i posti alla fine saranno 20. Però ci provo.

Fabio: Quest'anno hai la maturità Riesci ad allenarti senza problemi?

Laura: Ma sì, anche a scalare durante il week-end

Fabio: E dopo? Tenti di diventare professionista?

Laura: Sì, l'intenzione è quella, sia per le gare che per la roccia. Vorrei continuare così, con entrambe. Non ho alcuna intenzione di lasciare uno dei due mondi a causa dell'altro, adoro entrambi.