Your Cart

0

Face to face with Luca Schiera

Posted by Luca Fontana on


Our climbing specialist Fabio Palma had a long talk with Luca Schiera, brand ambassador for Terra Cielo Mare since 2015 and one of greatest alpinist and person we've ever meet. (Italian below)

Here is the inteview:

There is no other Italian alpinist with so many expeditions and journeys in recent years; actually it is difficult to find another climber, even from the past, with so many archived ascents in every part of the world. Luca Schiera, first of all, is a curious person, then a great alpinist. It is natural that he is an ideal testimonial for TerraCieloMare. For him Oman rather than China or Baffin, means discovery. Incidentally, he is also a modern alpinist who climbs rocks up over 8b and therefore, very complex and difficult ones, but in reality he likes to climb isolated and distant walls, possibly unknown. The difficulty comes itself, whether capable of dominating it or not. And then, last but not least, he has a golden character, following ethics and having a good behavior, is his way of living not only in the mountains (wherever he goes, be sure of it, nothing remains like negative), but also in life. It’s impossible not to esteem and appreciate such values, a genuine person unable to feel envy and free from any selfishness.

The first question is: which is the most memorable expedition among those accomplished?
I’d say Rio Turbio in 2018 was incredible, both for the place and the experience. We were in two, totally self-sufficient and without any possible external support. Even in Baffin we were isolated, but there were 5 of us together with Favresse and Villanueva who already knew the place. While in Patagonia of Rio Turbio, just Paolino Marazzi and I, alone, no one else for days. Jungle, stream with the Kayak, and bad weather for a month.


What about the waiting?
Perhaps, the waiting was the most beautiful and memorable part. We practically didn't talk to each other anymore. Each of us by himself. One hundred meters of a walk a day with continuous rain and nothing else. You couldn't even see the wall. We were in a state, that we’d never lived before. We had overcome boredom; we were practically plant-based, all that was missing was the lichens growing on us. It was a very interesting and mystical experience. When the beauty appeared, and just only for two days, it was the revival. The route was also difficult, but the waiting is an unforgettable memory. We didn't think we could endure that long in such solitude, forgotten by everyone.



And what about this year? I saw some sensational photos of Chilean Patagonia.
Yes, impressive like Baffin. You arrive at a certain point, go over a terminal, and the wind, that strikes you always above one hundred per hour, even more, one hundred and fifty. I barely kept standing on feet. And an endless stretch of ice with these peaks rising from nothing. You don't seem to be on the Earth. Certainly, more particular and beautiful, even aesthetically, were in Ethiopia, Trango and Kyrgyzstan, rather than in other places we went. Of course, the Torre and Fitz ranges are magnificent but perhaps not so isolated, you happen to meet someone and in a day's walk you are in El Chalten.



And the people?
The strangest was one encountered in Ethiopia. Once, some kids started throwing stones at us, maybe it was for fun but the stones were real. Then a guy forced us to go to his hut, we just couldn't refuse, and he offered us hospitality almost by force, and we appreciated the gesture. He gave us really strange food that we thought we were dying of... we pretended to chew. Well, at the end we are not dead. I wish I go back to India; actually, we are going back there this summer. People ... eh, it's not easy.

And what has impressed you the most in these years?
The crossing of the Torre in one day. Inconceivable and unimaginable. You can think of the one like Fitz, maybe you can't make it but at least you can imagine it. That of the Torre is not for humans. No other climber can think of doing such a thing. Haley knew the area perfectly… Honnold was running unbelayed… Out of mind.

And Free Solo ascent of Honnold's on Free Rider?
I didn't climb iconic El Capitan, but what one can say about it… just stunning.


And Italians?
(He thinks a while). Like Korra, the Franchinis, Simon Gietl are coming to my mind right now. Nowadays, there are many. Aaron Durogati impressed me too; he started climbing and soon a year after he wanted to climb the Torre.

How come the Himalayan climbers when they go to Patagonia can't do anything?
Well, in Patagonia you have to climb. If you don't climb hard on rock, obviously today you can do very little, just simple repetitions. And those who go to the Himalayas have other characteristics. It is strong at altitude and with gradients, but often doens’t climb. In Patagonia as soon as you finish the approach, you have technical difficulties. And you have to be very motivated as well as technically prepared. Today, we know weather conditions well, and so we take advantage of very short weather windows, but if you do not climb at high speed, in a day you do nothing.



And who else?
Well, I'm always impressed by sport climbers Carnati, Ghisolfi, Jacopo Larcher. I train in sport climbing and I can only imagine what it means to reach their level. They are like Martians too.

What do you think of kids, like those from Ragni team? The youngest?
I don't participate in competitions, and I am very far from the idea of every race, though they are certainly very motivating and give you something while climbing with others. A kind of positive energy. The same happens on the cliff and in the mountains, if you are with a very motivated partner who overflows enthusiasm, you commit yourself more and give the best. They are positive and positive people make you feel better.

ITALIAN VERSION

Il nostro climbing specialist Fabio Palma ha incontrato per un intervista Luca Schiera, nostro brand ambassador dal 2015, nonchè uno degli alpinisti di spicco del panorama internazionale ed una persona veramente eccezionale. 

Ecco l'intervista:

Nessun alpinista italiano ha compiuto così tante spedizioni e viaggi negli ultimi anni ma a dire la verità è difficile trovare un altro alpinista persino del passato con così tante salite all'attivo in ogni parte del mondo. Luca Schiera è prima di tutto un curioso, poi un grandissimo alpinista.
E' normale che sia il testimonials ideale per TerraCieloMare. Per lui Oman piuttosto che Cina o Baffin significano, prima di tutto, scoperta. Incidentalmente è anche un alpinista moderno che scala su roccia fino oltre l'8b e quindi le sue salite sono spesso molto complesse e difficili, ma in realtà a lui piace salire pareti isolate e lontane, possibilmente ignote. La difficoltà viene da sé, se se capace di dominarla. E poi, last but not least, ha un carattere d'oro, fa dell'etica e del buon comportamento uno stile di vita, non solo in montagna (dove passa lui, siatene sicuri, non rimane proprio nulla di negativo), ma anche nella vita. Impossibile non stimarlo e apprezzarlo, una persona vera incapace di provare invidia e scevro da qualunque egoismo.

La prima domanda è quale sia, fra le tantissime spedizioni compiute, la più memorabile
Direi Rio Turbio nel 2018, sia per il posto che per l'esperienza, incredibile. Eravamo totalmente autosufficienti, in due, senza alcuna possibilità di avere appoggi logistici. Anche a Baffin eravamo isolati, ma eravamo in 5 con Favresse e Villanueva che conoscevano già il posto. Nella Patagonia di Rio Turbio eravamo proprio solo io e Paolino (Marazzi, ndr) e nessun altro per giorni. Giungla, torrente con il Kayak, e maltempo per un mese.

Come è stata l'attesa?
L'attesa è stata forse la parte più bella e quella più memorabile. Non ci parlavamo praticamente più. Ognuno con se stesso. Cento metri di passeggiata al giorno, e poi null'altro, con pioggia continua. Non si vedeva neppure la parete. Eravamo in uno stato mai vissuto. Avevamo superato la noia, eravamo praticamente dei vegetali, mancavano solo che ci crescevano i licheni addosso. E' stato molto interessante, un'esperienza mistica. Quando è arrivato il bello, e di soli due giorni, è stato un risveglio. La via è stata anche difficile, ma l'attesa è il ricordo indimenticabile. Non pensavamo di essere capaci di aspettare così tanto, e in quella solitudine, dimenticati da tutti.

E quest'anno? Ho visto delle foto sensazionali, della Patagonia Cilena.
Sì, impressionante, come a Baffin. Arrivi a un certo punto, superi una terminale, e il vento ti prede a schiaffi, sempre sopra i cento all'ora, anche 150. Fatichi proprio a stare in piedi. E una distesa infinita di ghiaccio, con queste cime che si ergono dal nulla. Non sembri sulla Terra. Sicuramente più particolare e bello, anche esteticamente, di altri posti dove siamo andati come Etiopia, Trango, Kirghizistan. Certo il gruppo del Torre e del Fitz sono magnifici ma forse non così isolati, ti capita di incontrare qualcuno e in un giorno di cammino sei a El Chalten.

E la gente?
La più strana è stata quella incontrata in Etiopia. Una volta dei ragazzini ci hanno tirato dei sassi, era forse per gioco ma i sassi erano veri. Poi un tizio ci costrinse a venire nella sua capanna, proprio non potevamo rifiutare, e ci offrì ospitalità quasi forza, apprezzammo il gesto. Ci ha dato del cibo strano che eravamo convinti di morire...facevamo finta di masticare. Boh, alla fine non siamo morti. Tornerei in India, anzi ci torniamo questa estate. La la gente...eh, non è facile.

E cosa ti ha impressionato di più in questi anni?
La traversata del Torre in un giorno. Inconcepibile. Neppure immaginabile. Quella del Fitz la puoi pensare, magari non ce la fai ma te la immagini. Quella del Torre è una cosa non da umani. Nessun altro alpinista può pensare di fare una cosa del genere. Haley conosceva perfettamente la zona, Honnold correva slegato. Fuori di testa.

E il Free Solo di Honnold su Free Rider?
Non ho scalato su El Capitan, ma cosa vuoi o puoi dire, solo allucinante.

E gli italiani?
(Ci pensa un po' su). Direi Korra, i Franchini, Simon Gietl, mi vengono in mente in questo momento. Adesso di ragazzi ce ne sono. Aaron Durogati mi ha impressionato, inizia a scalare e un anno dopo vuole salire il Torre.

Come mai gli Himalayisti quando vanno in Patagonia non riescono a fare nulla?
Beh, in Patagonia devi scalare. Se non scali forte su roccia ovviamente oggi puoi fare ben poco, solo ripetizioni semplici. E chi va in Himalaya ha altre caratteristiche. E' forte in quota e con i dislivelli, ma spesso non scala. In Patagonia appena finisci l'avvicinamento hai difficoltà tecniche. E devi essere molto motivato oltre che preparato tecnicamente. Oggi sappiamo bene la meteo, e quindi approfittiamo di finestre di meteo brevissime, ma se non scali ad alto livello in velocità in un giorno non fai nulla.


E poi?
Beh, sono sempre colpito dagli arrampicatori sportivi, anche, da Teto, Ghisolfi, Jacopo Larcher. Io mi alleno in arrampicata sportiva e posso solo immaginare cosa voglia dire arrivare al loro livello. Sono marziani anche loro.

Che ne pensi dei ragazzini, come quelli della squadra dei ragni? Dei giovanissimi?
Io non faccio gare e sono lontanissimo dall'idea di ogni gara, certo sono molto motivanti, ti trasmettono qualcosa quando ci scali insieme. Una sorta di energia positiva. Capita in falesia e in montagna, se sei con un socio molto motivato che tracima entusiasmo, ti impegni di più e dai il meglio. Sono positivi, le persone positive ti fanno stare meglio.